Cosa occorre sapere prima di iniziare

"...A Riveder le Stelle" si rivolge principalmente a tutti gli utenti non vedenti della Rete, giovani e meno giovani, che hanno voglia di intraprendere un viaggio affascinante tra pianeti, comete e galassie alla scoperta delle meraviglie che popolano l'Universo.

Ogni pagina è costituita da una immagine convertita in formato tattile seguita dal testo. Occorre solo utilizzare  una stampante braille per stampare l'immagine su carta apposita o su carta speciale plastificata, mentre il testo può essere ascoltato con un normale sintetizzatore vocale.

Una nota particolare riguarda  le distanze che intercorrono tra i vari oggetti celesti, distanze che risultano enormi se paragonate a quelle che percorriamo usualmente ogni giorno. Le distanze in Astronomia sono enormi se rapportate a quelle che incontriamo nella vita quotidiana. Proprio per questo abbiamo, a volte, affiancato alle unità di misura convenzionali, come i chilometri o le unità astronomiche, che definiremo nel seguito, delle misure forse insolite, come i passi o lo spazio percorso a piedi in un ora. Misure che sono più vicine alla nostra quotidiana esperienza e tutto sommato non una novità, considerato che nel mondo anglosassone unità di misura come il pollice, il piede etc. sono ancora ufficialmente usati.

All'interno del Sistema Solare abbiamo utilizzato il numero di passi necessari a coprire quella determinata distanza, avendo assunto che due passi corrispondano circa ad un metro. Per gli oggetti al di fuori del Sistema Solare, a causa delle distanze in gioco molto, molto più grandi, in certi casi abbiamo invece considerato il tempo che una persona impiegherebbe a percorrere tali distanze camminando senza interruzione, avendo assunto che in un'ora una persona copre in media quasi 4 chilometri!

Buon viaggio!

Vai avanti          Vai all'indice