Immagine supernova

Le Supernove

Nella figura è disegnata una nube di gas in espansione che rappresenta ciò che rimane dopo l'esplosione di una stella di grande massa, classificata, per questa sua fine violenta, come supernova. Le zone della figura nelle quali le linee sono più fitte rappresentano le zone della nube nelle quali il gas è più denso.

L'esplosione avviene quando nel nucleo di una stella abbastanza massiccia non si riescono più a raggiungere temperature sufficienti a sostenere la trasformazione degli atomi di carbonio in ferro mediante la fusione di quattro nuclei di carbonio in uno di ferro. Questa particolare reazione di fusione infatti non solo non sviluppa energia ma anzi la richiede all'ambiente circostante.

Gli strati esterni quindi, non più bilanciati dall'energia emessa, cadono di colpo sul nucleo facendo aumentare la pressione e la temperatura. A differenza del caso della nana bianca, la massa totale di questi strati esterni è ora molto maggiore e il conseguente aumento della temperatura nel nucleo raggiunge valori sufficienti a produrre d'improvviso una grandissima quantità di energia che porta ad  un'esplosione immane nella quale gli strati esterni della stella vengono espulsi a grandissime velocità creando una immensa nube di gas in espansione.

Al centro della supernova resta un buco nero oppure una stella di neutroni, la cui forma rimane comunque sferica. Nel caso in figura, la stella di neutroni non è rilevabile in quanto coperta dalla nube di gas che, nella sua parte centrale, risulta molto fitta.  

Dato che le stelle di grande massa sono solo una piccola frazione del totale, l'esplosione di una supernova è un evento piuttosto raro: si stima che nella nostra Galassia esplodano in media tre supernove al secolo.

Avanti      Indietro

Indice