Per prima cosa occorrerà alzarsi presto! Quando il passaggio incomincerà, verso le 7.20 del mattino, il Sole sarà ancora basso a Est.

 

Vetri protettivi per osservare il Sole

Poiché osservare direttamente il Sole può danneggiare seriamente i nostri occhi è necessario utilizzare vetri protettivi specifici usati per le eclissi di Sole (cioè filtri solari di densità 5 - oppure vetri da saldatore di gradazione 13 o 14). Meglio quindi procurarsi uno di questi filtri o vetri in anticipo in un negozio di ottica o anche un ferramenta.

Guardando attraverso il vetro sarà visibile una pallina nera che si muove lentamente attraverso il disco solare: è Venere!

Consigliamo di non guardare troppo a lungo neppure con i vetri di protezione. Anche se non è pericoloso, dopo diversi minuti gli occhi possono stancarsi. Comunque non guardare mai il Sole senza l'ausilio di un filtro o un vetro da saldatore.

 

Usare uno strumento ottico (telescopio rifrattore o binocolo) per proiettare l'immagine del Sole su uno schermo

In questo caso bastano un binocolo o un piccolo telescopio, due pezzi di cartoncino bianco e un cavalletto fotografico o un altro tipo di appoggio.
Tagliare un buco in uno dei pezzi di cartoncino se si osserva con il telescopio, due se si osserva col binocolo. Montare il cartoncino sull'oculare del telescopio o del binocolo e fissarlo con nastro adesivo opaco. Sul binocolo, coprire poi uno degli oculari con il suo cappuccio.
Montare il telescopio o il binocolo sul cavalletto e fissarlo in modo che lo strumento si possa puntare verso il Sole. Reggere l'altro pezzo di cartoncino a una piccola distanza dall'oculare del telescopio o del binocolo.

Non cercare mai di allineare il telescopio al Sole guardandovi attraverso senza aver prima montato gli opportuni filtri di protezione.

Spostare il telescopio finché si ottiene l'ombra più piccola possibile, e noterete che ogni volta che si ottiene, il Sole si sposterà attraverso il cartoncino. Il trucco è bloccare la montatura una volta che l'immagine del Sole si proietta sullo schermo: a questo punto l'equipaggiamento è pronto.

 

Non bisogna mai lasciare incustodito lo strumento durante il passaggio - qualcuno potrebbe danneggiarsi irreparabilmente gli occhi.

Durante le sei ore del transito, dovrete spostare gradualmente l'apparecchiatura per seguire il moto del Sole. Tuttavia, poiché state usando un piccolo telescopio o un binocolo, riuscirete a seguire comodamente il passaggio per diversi minuti prima di dover spostare tutto.
A coloro che non possiedono un treppiede o un cavalletto, basta una sedia di legno con uno schienale alto, ma in questo caso seguire il moto del Sole sarà più difficile.
Ovviamente se riuscite a ottenere un'immagine nitida potete 'dare una sbirciatina' con la macchina fotografica al di sopra della maschera di cartoncino che avete messo sull'oculare, stando attenti a non restare con l'occhio troppo esposto al Sole.
La proiezione del Sole su un cartoncino è finora il metodo più sicuro per l'osservazione indiretta di eclissi e transiti planetari.

 

 

per la stampa | cosa accadrà | dove e quando | iniziative INAF | l'evento | iniziative ESO